GAMMA COLORI

per tonalità

Esplorando la natura, ci rendiamo conto della meravigliosa varietà di piante, frutti e verdure che ci regalano una vasta gamma di pigmenti naturali. Grazie a una accurata selezione di queste preziose risorse, vengono creati i coloranti di origine naturale e i colouring food che oggi possiamo trovare sul mercato in una vasta gamma di formulazioni, adatte a ogni tipo di applicazione. Non possiamo dimenticare nemmeno i coloranti artificiali, spesso sottovalutati ma comunque utili. Qui di seguito, una suddivisione dei singoli coloranti e colouring foods in base alla loro tonalità.

blu

Nel caso di dubbi o problemi, non esitare, contattami per un supporto tecnico “gratuito”.

Contattami per un supporto tecnico “gratuito”, nel caso in cui tu abbia dei dubbi o dei problemi.

Posso offrirti supporto nei seguenti casi

o stia cercando un nuovo fornitore di coloranti alimentari.

L’ importanza del colore

I colori posseggono specifiche vibrazioni energetiche che agendo a livello inconscio, influenzano il metabolismo, il senso di fame e l’umore, infatti il colore del cibo ha un forte impatto sulla nostra psiche, sul nostro stato d’animo e sulla nostra salute.

Quando scegliamo un cibo siamo influenzati dal suo colore; alcuni  colori oltre a favorire l’appetito trasmettono sensazioni positive in grado di guidarci nella scelta degli alimenti che mettiamo in tavola.

Il colore degli alimenti gioca un ruolo fondamentale nello stimolare il nostro appetito: vedere un cibo con un colore vivace e una forma accattivante, fa aumentare la salivazione e mette in moto la produzione dei succhi gastrici. Ogni colore ha un significato e una connessione unica con aree specifiche del nostro cervello che influenzano le nostre emozioni e il nostro stato d’animo.

 

Il colore degli alimenti non dovrebbe essere solo gradevole, ma anche e soprattutto coerente.

È fondamentale che il colore mantenga un legame visivo con gli alimenti presenti in natura, ai quali associamo un colore specifico che riteniamo “normale” per quel cibo, come il giallo per il limone o il rosso per la fragola e la ciliegia.

Il motivo di questo è perché il colore di un alimento o di una bevanda influisce notevolmente sull’aspettativa del suo sapore e della sua qualità. Sono diversi gli esperimenti che lo hanno confermato, mostrando che se gli alimenti hanno un colore e un sapore coerenti a quelli che troviamo in natura, il gradimento risulta maggiore nella maggior parte dei casi.

Bianco

Il bianco è un mondo così alto rispetto a noi che quasi non ne avvertiamo il suono, è un nulla prima dell’origine.(Kandinskji).

Significato

Il bianco è la perfetta sintesi di tutti i colori dello spettro di luce, un colore senza dominanza che simboleggia la luce, la vita e la creazione. Mentre in alcune culture è associato al lutto e alla morte, nella maggior parte dei casi simboleggia purezza, innocenza e sincerità. Rappresentando l’assoluto e la pace, il bianco suscita un senso di divinità e perfezione, armonizzando con la maestosità della luna. Questo colore primordiale e atemporale, interpretato diversamente in ogni cultura, porta sempre un significato opposto al nero. Gli oggetti bianchi comunicano purezza, candore e semplicità.

Con cosa otteniamo il bianco negli alimenti e nelle bevande?

E170 CARBONATO di CALCIO

E171 BIOSSIDO DI TITANIO (vietato)

BLEND DI AMIDI

Approfondimenti:

E170 CARBONATO DI CALCIO

Il carbonato di calcio è un additivo alimentare generalmente autorizzato nei prodotti alimentari ai sensi del Regolamento UE 1333/2008 sugli additivi alimentari ed è un colorante alimentare autorizzato ai sensi dello stesso regolamento sui coloranti destinati all’uso nei prodotti alimentari. È inoltre incluso nella direttiva 2002/46/CE relativa agli integratori alimentari e può essere utilizzato negli alimenti arricchiti ai sensi del regolamento (CE) n. 1925/2006 sull’aggiunta di vitamine e minerali e di talune altre sostanze negli alimenti.

Il carbonato di calcio è instabile negli alimenti acidi. Come gli altri carbonati, subisce decomposizione per riscaldamento o per contatto con sostanze acide, liberando anidride carbonica. 

Scopri di più sul Carbonato di calcio

E171 BIOSSIDO DI TITANIO

La Commissione europea ha adottato, il 14 gennaio  2022, il regolamento (UE) 2022/63 che revoca l’autorizzazione all’uso del biossido di titanio (TiO2) come additivo alimentare E171 nei prodotti alimentari.

L’Efsa non lo considera più un additivo alimentare sicuro.

Ma perchè il Biossido è così difficile da sostituire?

Il biossido di titanio E171 ha proprietà uniche: 

⊃ è molto versatile,

⊃ è molto stabile,

⊃ estremamente conveniente e,

⊃ era permesso in molte applicazioni. 

Le particelle di TiO2 riflettono la luce (perlescenza) sulla maggior parte dello spettro visibile e conferiscono opacità (cioè realizzano prodotti impenetrabile alla luce) provocando molteplici fenomeni ottici (riflessione e rifrazione). 

L’alto indice di rifrazione del biossido di titanio, in combinazione con l’assenza di assorbimento nell’intervallo visibile dello spettro tra 380 nm e 700 nm di lunghezza d’onda, è la ragione della sua utilità come pigmento bianco.

Scopri di più sul Biossido di Titanio

Quali sono le possibili alternative per il Biossido di Titanio negli alimenti?

A causa delle sue molteplici funzionalità, ad oggi, non è stato identificato un singolo materiale che fornisca la stessa combinazione di proprietà uniche per il TiO2, ad esempio opacità, miglioramento del contrasto, inerzia, protezione dalla luce UV e finitura e levigatezza del prodotto risultante.

Nonostante il biossido di titanio non era ancora stato vietato, era già qualche anno che il mercato sta tentando di sostituirlo; i produttori di coloranti sono costantemente impegnati a studiare possibili alternative ma la realtà è che sostituire il biossido di titanio può essere ancora estremamente impegnativo, soprattutto in alcune applicazioni. 

Nessun singolo materiale, ad oggi identificato, può fornire performance paragonabili e, le possibili alternative che si trovano attualmente sul mercato, come amidi di riso, carbonato di calcio microincapsulato, solfato di calcio, sono comunque soluzioni che non riescono a funzionare in tutti i contesti applicativi. Alcune hanno il vantaggio di essere clean label, ma per esempio l’amido di riso, trattenendo l’umidità impedisce un’asciugatura efficace nei confetti o, in altre applicazioni la necessità di dosaggi elevati rispetto al biossido di titanio; il che non solo influisce sul costo formula finale, ma il più delle volte ha effetti negativi sulla viscosità del prodotto.

Occorre trovare la soluzione ideale specifica per ogni prodotto, valutando vari aspetti, e comunque affidarsi ad un fornitore che abbia in gamma un portafoglio con più soluzioni progettate per adattarsi al meglio ad ogni applicazione specifica. 

E516 Solfato di Calcio
Blend di Amidi

Contenuti dell'articolo

ROBERTA LAMERA

ROBERTA LAMERA

Da oltre 25 anni lavoro con i colori alimentari e conosco le sfide legate alla colorazione in molteplici applicazioni. Problem Solving e soluzioni efficaci tramite l'utilizzo consapevole del colore.

Contattami per una consulenza gratuita
LinkedIn
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *